Notizie

Quattro settimane per imparare le lingue straniere con Tim Arvidsson

By

Il poliglotta 62enne Tim Arvidsson, che parla fluentemente 23 lingue, ha presentato agli italiani la sua famosa formula di 4 settimane per l’apprendimento delle lingue straniere. Inpoco  tempo impararerai il materiale che corrisponde ad un anno di corso di lingue.

Già tanti italiani hanno abbandonato gli inefficaci metodi tradizionali di studio delle lingue e si sono uniti a Tim. Anche tu, indipendentemente dalla tua età, dall’istruzione e dalle capacità, già dopo 4 settimane vedrai le facce sorprese dei membri della tua famiglia, degli amici e dei colleghi di lavoro.

Non è mai troppo tardi per cominciare a parlare la lingua straniera. Puoi convincertene dopo 4 settimane. I risultati li vedrai nella vita quotidiana. Comincerai a comunicare liberamente in una nuova lingua dopo soli 30 giorni. Capirai le notizie sui siti web stranieri. Le tue capacità susciteranno invidia nei tuoi colleghi di lavoro.

Tim Arvidsson ha racchiuso la sua formula di 4 settimane in un sistema multimediale di flashcard chiamato Fluent Speak, l’unico che migliora e velocizza la memoria, perché sfrutta il 100% delle tue capacità mentali naturali

I metodi tradizionali non sostengono efficacemente i processi conoscitivi, perché usano solo un piccolo frammento delle strutture del cervello. Il sistema delle flashcard interattive Fluent Speak funziona in maniera diversa. Usa il 100% delle capacità del tuo cervello.

Durante la memorizzazione delle nuove parole, la formula di 4 settimane per l’apprendimento delle lingue straniere Fluent Speak stimola entrambi gli emisferi del cervello. L’informazione verbale arriva all’emisfero sinistro, mentre l’immagine arriva all’emisfero destro del cervello. Il cervello funziona 5 volte più efficacemente, cosa che migliora le capacità di memorizzazione dei nuovi vocaboli e di associazione delle parole con i suoi analoghi italiani. In questo modo le associazioni sono più forti e vengono memorizzate più a lungo, mentre il tuo cervello ricorda le nuove parole automaticamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *